• 29 Settembre 2020
  • giammarco.dorazio@gmail.com
  • 0

Come anticipato nei precedenti comunicati, durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il  proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini  degli italiani, denominato: “L’utilità dell’attività motoria condotta da remoto, in tempi di emergenza sanitaria da Covid-19”

Lo studio, iniziato formalmente il 20 aprile, concluderà la sua ultima fase di monitoraggio post lockdown nel mese di Novembre.

Intanto, la presentazione in anteprima dei primi risultati sarà diffusa dalla Coordinatrice del Comitato Tecnico Scientifico del Polo della Salute, durante una serie di Congressi Scientifici nazionali dedicati a “Covid e Sport”, organizzati dalla USAcli, a Parma  il 17 Ottobre e a Verona il 18 Ottobre pv. (per info:sportsalute@us.acli.it)

Successivamente il Polo sarà “in Tour” lungo tutta la penisola (Bolzano, Belluno, Roma, Messina, Milano, Vicenza) con una serie di eventi denominati: “il Giro d’Italia della Salute: lo studio si presenta” dedicati alla presentazione del suddetto studio e alla promozione dell’esercizio fisico come farmaco naturale.

Flaminia Pastori, Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico del Polo della Salute, e Teamleader dello studio, dichiara: “Sono fermamente convinta che l’esercizio fisico sia un fantastico catalizzatore di benessere psicofisico in ogni circostanza, anche in periodi difficli ed emergenziali come quello appena vissuto; per questo, in passato, ho promosso e collaborato ad altri progetti sull’attività motoria in emergenza (sisma del 2009). Per me coordinare questo studio significa, non solo collaborare con grandissimi professionisti che condividono la mia convinzione e che ringrazio profondamente per il lavoro svolto, ma anche lasciare una testimonianza concreta di quanto l’attività motoria possa e debba essere utilizzata come strumento di recupero del benessere anche in situazioni particolarmente stressanti, come quelle appena citate.” 

Glauco Collalti, co-autore dello studio e membro CTS Polo della Salute, sostiene:  “Alla luce di quanto stiamo osservando attraverso l’analisi dei dati, rappresentativi dei cluster selezionati, ci appare sempre più evidente che la nostra mission fortemente orientata alla cultura della Salute sia uno strumento fondamentale per stimolare le persone alla consapevolezza che l’esercizio fisico è un vero farmaco che può aiutare il selfmanagement, può incidere sulla riduzione delle terapie assunte, può risollevare equilibri psicologici a rischio, può trasformare un momento di immobilismo generale, come quello dal quale siamo appena usciti, in un momento di riflessione e autoconoscenza, utile a modificare anche il proprio stile di vita, se necessario!”

Nel Team, coordinato dalla dott.ssa Flaminia Pastori, collaborano, oltre al dott. Collalti: prof. Andrea Vanìa, Responsabile del Centro di Dietologia e Nutrizione Pediatrica dell’Università La Sapienza di Roma; prof. Francesco Masedu, dipartimento di Scienze cliniche applicate e biotecnologie dell’Università de l’Aquila; dott.ssa Nicolina Di Biase, endocrinologa e diabetologa presso Ospedale Fate Bene Fratelli di Roma, dott. Paolo Pizzo – vice campione olimpico di scherma ai giochi di Rio del 2016.

Scarica qui il comunicato ufficiale in formato PDF

Inizia la chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao,
come possiamo aiutarti?